Cosa vedere

nei dintorni di pompei

La dolcezza del clima, la bellezza delle coste, la ricchezza dell’arte e della storia, l’amore per la cucina rendono la Campania una terra tutta da vivere.

Cosa vedere

Scegliendo di soggiornare al “B&B Nolana 86” potrete godere dell’atmosfera rilassante della nostra struttura ma avrete anche la possibilità muovervi agilmente verso alcuni dei luoghi più suggestivi della Campania. Grazie alla sua posizione privilegiata, è possibile infatti raggiungere i principali siti di interesse culturale: i meravigliosi Scavi di Pompei ed Ercolano, scoprire i paesaggi incantati di Napoli, Positano, Ravello, Sorrento e le meravigliose spiagge delle isole di Capri ed Ischia.

Pompei

ha origini molto antiche, quasi quanto Roma. Ricca di monumenti e piazze, è forse la città in cui la storia vive e si racconta sotto gli occhi incantati di milioni di turisti.

Gli Scavi di Pompei

forniscono un’incredibile testimonianza dello stile di vita, delle usanze e delle architetture della società romana al momento dell’eruzione del Vesuvio avvenuta il 24 Agosto del 79 d.C., immergendo il visitatore in un’esperienza suggestiva ed emozionante, vissuta camminando tra i resti di domus patrizie, teatri, mosaici e affreschi delle ville pompeiane, terme e teatri.

Santuario della Madonna del Rosario

è il principale luogo di culto cattolico di Pompei ed uno dei santuari mariani più importanti e visitati d’Italia.
Il santuario è stato costruito grazie alle offerte spontanee dei fedeli di ogni parte del mondo. La sua costruzione ebbe inizio l’8 maggio 1876 mediante la raccolta dell’offerta di un soldo al mese. Primo a seguirne i lavori fu Antonio Cua, docente dell’Università di Napoli, che diresse gratuitamente la costruzione della parte rustica. Il santuario fu elevato a basilica pontificia maggiore da papa Leone XIII il 4 maggio 1901.

Da Pompei è possibile arrivare ad Ercolano

In treno:
Circumvesuviana fermata Ercolano-Scavi 
Ferrovie dello Stato fermata Portici-Ercolano 
In Auto:
Autostrada A3 Napoli-Salerno e uscita a Ercolano.

Gli scavi archeologici di Ercolano

hanno restituito i resti dell’antica città di Ercolano, seppellita sotto una coltre di ceneri, lapilli e fango durante l’eruzione del Vesuvio del 79, insieme a Pompei, Stabiae ed Oplonti.
Ritrovata casualmente a seguito degli scavi per la realizzazione di un pozzo nel 1709 fino ad uno scavo sistematico promosso da Amedeo Maiuri a partire nel 1927: la maggior parte dei reperti rinvenuti sono ospitati al museo archeologico nazionale di Napoli, mentre è del 2008 la nascita del museo archeologico virtuale che mostra la città prima dell’eruzione del Vesuvio.
Il sito di Ercolano, gestito dalla Soprintendenza Pompei, viene visitato mediamente da trecentomila turisti ogni anno: nel 1997, insieme alle rovine di Pompei ed Oplonti, è entrato a far parte della lista dei patrimoni dell’umanità dell’UNESCO.

Da Pompei è possibile arrivare al Vesuvio

In Bus con “EAVBUS“:

Il servizio è attivo tutti i giorni con partenze dal capolinea in Piazza Anfiteatro, dalle 08.00 alle 15.30 (ultimo rientro dal Vesuvio ore 17.40).
La durata dello spostamento è di circa 55’ fino al cratere (quota 1000mt). Sono previste, infine, 4 fermate: Porta Marina/Villa dei Misteri/Quota 400 mt /Quota 750mt.

In Auto:
Prendere l’autostrada A3 Napoli-Salerno fino all’uscita di Torre del Greco o Ercolano e poi seguire le indicazioni per il Vesuvio.

Vesuvio

Unisciti alla guida e sali lungo i lievi pendii del vulcano più famoso del mondo, che un tempo distrusse le città romane di Pompei ed Ercolano. Senti l’odore del magma che scorre sotto di te, goditi splendidi panorami del Golfo di Napoli e cammina in un paesaggio unico. È una scalata senza pari!

Da Pompei è possibile arrivare a Napoli

In treno:
Circumvesuviana fermata Napoli Piazza Garibaldi
Ferrovie dello Stato fermata Napoli Piazza Garibaldi

In Auto:
Autostrada A3 Napoli-Salerno

Napoli

Misteriosa e affascinante, intrigante e passionale, caotica e contraddittoria: questa è Napoli , la grande capitale del Mediterraneo. Pur essendo una città moderna è ancora fortemente legata alle tradizioni del passato. La città si propone oggi come un universo tutto da esplorare, con un patrimonio artistico immenso.
Appena fuori Napoli ci sono tre delle più antiche e famose testimonianze dell’antica Roma le imponenti rovine di Pompei e Ercolano… e il minaccioso vulcano Vesuvio che le distrusse entrambe.
Duemilacinquecento anni fa, Neapolis (“città nuova”) era un fiorente centro commerciale greco. Oggi, rimane la città leader del sud Italia, e offre una affascinante selezione di musei, chiese e una eclettica architettura.

Da Pompei è possibile arrivare a Capri

In treno:
Circumvesuviana Direzione Sorrento – Fermata Castellammare di Stabia proseguire per il porto

Circumvesuviana Direzione Sorrento – Fermata Sorrento proseguire per il porto

Capri

Capri, l’isola nel Golfo di Napoli, è famosa per il territorio scosceso, gli hotel esclusivi e lo shopping, che spazia dall’alta moda, al limoncello, fino ai sandali di cuoio artigianali. Uno dei siti naturali più conosciuti è la Grotta Azzurra, una cavità buia in cui l’acqua del mare si tinge di blu elettrico grazie alla presenza di una grotta sotterranea che filtra la luce del sole.

Da Pompei è possibile arrivare a Sorrento

In treno:
Circumvesuviana Direzione Sorrento fermata Sorrento 

Sorrento

Terra dei colori, delle sirene, città dei giardini: sono davvero tante le definizioni attribuite a Sorrento, patria del grande Torquato Tasso. In effetti, in ognuna c’è un fondo di verità, un pezzo di storia di questa città millenaria influenzata nei secoli da culture diverse: greci, romani, normanni, aragonesi son tutti passati di qui lasciando, ciascuna civiltà, la propria impronta e ricevendone in cambio i frutti di una natura generosa e i paesaggi struggenti di uno dei tratti di costa più belli al mondo.

Ciao!Possiamo aiutarti? :)
Powered by